CIRCOLARI

A cura di:

  • 26/04/2011

    Con il decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141 sono state profondamente innovate le norme in materia di intermediari finanziari contenute nel titolo V del testo unico bancario. La nuova disciplina riserva agli intermediari finanziari l’attività di concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico. L’esercizio dell’attività di concessione di finanziamenti verso il pubblico è soggetto a un regime di autorizzazione ed è riservato agli iscritti in un apposito albo unico. Sono previste forme di vigilanza sugli intermediari analoghe a quelle stabilite per le banche, ivi compreso il potere di esercitare la vigilanza a livello consolidato. Una disciplina attenuata è prevista per quelle attività (microcredito e confidi) caratterizzate da un particolare rilievo sociale e da un minor rischio sistemico. Non rilevano più quindi, ai fini del regime in questione, né l’attività di assunzione di partecipazioni né l’attività di intermediazione in cambi. Non è più considerata attività finanziaria rilevante neppure il finanziamento esercitato in via prevalente ma non nei confronti del pubblico. Vengono meno, quindi, tanto l’elenco speciale dell’articolo 107 del TUB quanto la sezione dell’elenco generale di cui all’articolo 113 del TUB.

  • Condividi:

Non sei associato?

Per le nostre Associate a disposizione notizie e archivi documentali sempre aggiornati.
Servizi e consulenze personalizzate pensati per rispondere ai diversi bisogni.

contattaci per associarti
tieniti aggiornato sui temi di tuo interesse

Accedi

Effettua il login per accedere alla tua area riservata e consultare il dettaglio dei documenti.