LA VOCE DEL DIRETTORE

A cura di:

  • 18/01/2022

    Assonime pubblica l'articolo che il Direttore Generale Stefano Micossi ha scritto per il sito InPiù.


    Il neo ministro tedesco Lindner chiede di cominciare a ridurre i disavanzi dovuti alla pandemia

    Alla prima apparizione al Consiglio Ecofin il neoministro delle finanze tedesco Lindner ha subito chiarito che le sue ambizioni sulla riforma del Patto di stabilità e crescita sono limitate. Non c'è bisogno di alcuna riforma delle regole su deficit e debiti pubblici, che sono sufficientemente flessibili per gestire eventuali emergenze. Invece, è importante che i paesi membri inizino a ridurre i debiti accumulati durante la pandemia. Certo, avremo bisogno di maggiori investimenti [leggi: per la transizione verde] ma questi possono venire dal settore privato.

     

    Un linguaggio piuttosto differente da quello che si ascolta nella capitale francese, dove il ministro Le Maire ha indicato di ritenere necessario almeno un allungamento dei sentieri di rientro del debito. In Italia, intanto, siamo alle solite. La discussione pubblica su giornali e talk show qui da noi ruota intorno alla possibilità di mantenere disavanzi più grandi del 3% e debito poco calante – politiche per definizione considerate 'buone' per la crescita. Se il debito o i sussidi facciano male alla crescita, nessuno se lo chiede.

  • Condividi:

Non sei associato?

Per le nostre Associate a disposizione notizie e archivi documentali sempre aggiornati.
Servizi e consulenze personalizzate pensati per rispondere ai diversi bisogni.

contattaci per associarti
tieniti aggiornato sui temi di tuo interesse

Accedi

Effettua il login per accedere alla tua area riservata e consultare il dettaglio dei documenti.